Cane stressato: tutto sul disturbo post traumatico da stress nel cane – GUIDA (2020)

Al giorno d’oggi molti animali salvati soffrono di Post Traumatic Stress Disorder (PTDS, disturbo post-traumatico da stress) e hanno bisogno di aiuto per guarire prima di poter integrarsi in maniera corretta in una nuova famiglia. Potresti aver sentito parlare del disturbo post-traumatico da stress (PTSD) nell’uomo, ma sapevi che anche i cani possono soffrirne? In effetti il concetto di disturbo da stress nel cane è abbastanza recente e se ne parla da meno di un decennio. Non esiste solo “l’ essere umano stressato” ma anche un “cane stressato”.

Quello che si sa è che questo disturbo colpisce anche i nostri amici a quattro zampe in seguito all’esposizione ad un qualche tipo di trauma. Il disturbo post traumatico da stress nei cani è generalmente causato dalle esperienze che un cane ha avuto durante la sua vita. Più un’esperienza è stressante, maggiori sono le possibilità per un cane di sviluppare PTSD.

Non solo nel mondo civile, ma anche in quello civile un numero crescente di comportamentisti animali sembra approvare e riconoscere il concetto di disturbo post traumatico da stress nel cane, sostenendo che colpisce anche tutti quei cani che subiscono incidenti stradali o che sono stati esposti ad eventi meno più o meno traumatici. Vediamo dunque nel dettaglio altre cause di disturbo post-traumatico da stress nel cane:

  • Separazione precoce del cucciolo dalla madre
  • Perdita del tutore
  • Separazione dal tutore a causa di catastrofi naturali ed eventi in cui gli esseri umani e i loro animali possono separarsi.
  • Abuso e maltrattamento fisico o emotivo.
  • Essere trascinato da un sito di salvataggio a un altro per trovare una nuova casa per l’animale salvato.
  • Abbandono: quando i cani vengono abbandonati, o per strada o quando vengono lasciati nei rifugi senza apparente spiegazione, si sentono confusi, ansiosi, feriti, arrabbiati e ansiosi.
  • Addestramento e vita militare: il New York Times ha riferito nel 2011 che “oltre il cinque percento dei circa 650 cani militari schierati in campo sta sviluppando una qualche forma di PTSD canino”, ad oggi il numero è probabilmente più elevato.
  • Interazioni traumatiche e pericolose con altri animali (le “lotte tra cani” clandestine tanto per fare un esempio).

Questo elenco non è esaustivo, ma vuole mostrare come una o più di queste esperienze possono rendere l’integrazione del cane in una nuova famiglia una sfida sia per l’animale sia per la famiglia stessa.

La buona notizia è che gli animali possono riprendersi dal disturbo post traumatico da stress, anche se non totalmente guarire, effettivamente “un cane non dimentica mai”.
Se adotti un animale da un centro di soccorso o rifugio, potresti non notare immediatamente che l’animale ha difficoltà ad adattarsi e richiede per questo più tempo e più pazienza.

Un cane che soffre di PTSD potrebbe aver bisogno di poco o molto aiuto. La paura può facilmente trasformarsi in comportamento aggressivo, in genere a causa di una reazione protettiva / difensiva. Ecco perché vale la pena imparare a gestire un caso di questo tipo per rendere le cose più facili sia per il cane che per te.

Sintomi nel cane stressato: come capirlo


Così come gli esseri umani che soffrono di un disturbo analogo, diversi cani anche mostrano sintomi per certi versi simili. Alcuni di essi diventano iper-vigili; altri evitano edifici o spazi in cui erano stati precedentemente a loro agio. Alcuni subiscono bruschi cambiamenti di temperamento, diventando insolitamente aggressivi con i loro proprietari o, al contrario, appiccicosi e timidi. Molti smettono anche di svolgere i compiti per cui sono stati addestrati e che prima amavano. Non è sempre facile distinguere il disturbo post traumatico da stress nel cane dagli altri disturbi d’ansia. Infatti, i sintomi comuni tra PTSD e ansia da separazione nel cane sono:

  • Urinare o defecare a casa
  • Ululare e abbaiare in modo compulsivo e ripetuto, quindi senza una ragione precisa
  • Comportamento distruttivo e a volte aggressivo


Invece, i tipici segnali di disturbo da stress nel cane sono:

  • Mordersi la coda
  • Respiro affannoso o comunque cambiamenti nel respiro
  • Accovacciarsi al suolo o nascondersi sotto un tavolo o un mobile, e in generale nascondersi al più piccolo segno di disturbo.

Altri indizi che solitamente segnalano la presenza di stress nel cane:

  • Si aggrappa a te dalla paura
  • Ti assale improvvisamente e senza apparente motiv: alcuni cani possono diventare aggressivi al punto da diventare un pericolo reale per tutti. Le loro reazioni a fattori che generano stress possono essere imprevedibili e fuori dal comune.
  • Calo dell’umore, svogliatezza
  • Iperattività agli stimoli ambientali
  • Diventa timido in presenza di persone e cerca di evitare il contatto umano

I cani comunicano molto attraverso il linguaggio del corpo. Fai attenzione ai segnali che il tuo pet manifesta: la capacità di leggere il linguaggio del corpo ti dà la possibilità di prendere le dovute precauzioni ed evitare situazioni spiacevoli. Ciò contribuirà a ridurre la paura del tuo animale e protegge chi gli sta attorno. Questi sono i segnali del corpo a cui prestare attenzione:

  • Il cane tira le orecchie indietro.
  • Le pupille sono dilatate.
  • La sua posizione del corpo è bassa, in prossimità del suolo.
  • Respiro rapido e affannoso.

Qualunque cosa tu sappia circa la storia passata del tuo cane e di eventuali brutte esperienze che potrebbe aver fatto, potrà aiutare il tuo veterinario, o un esperto di comportamento animale, a fare la diagnosi corretta.


A proposito dell’ansia da separazione nel cane con disturbo da stress

cane stressato e ansioso

Stress nel cane: rimedi per il PTSD

stress cane rimedi


Un tipo di addestramento, chiamato “desensibilizzazione sistemica“, è comunemente usato nei cani con disturbo post traumatico da stress e si basa sull’esposizione alle cause della paura e del trauma. Se, ad esempio, il rumore è il fattore scatenante della sua paura, il trattamento prevede che il cane venga esposto a un rumore “basso” all’inizio e via via viene aumentata l’intensità. L’animale ovviamente riceve un premio ogni qualvolta manifesta il comportamento “desiderato” (in questo caso ci auspichiamo che mantenga la calma). L’obiettivo è far sì che il cane associ pian piano il rumore a qualcosa di neutrale e non più pericoloso o dannoso per la sua salute.

Altre parti importanti del trattamento per il disturbo da stress nel cane includono: esercizio quotidiano, ore di gioco e allenamento di rinforzo positivo.

La formazione può richiedere settimane o anni, a seconda della gravità dell’evento stressante. Il trattamento potrebbe non curare il suo disturbo post traumatico da stress, ma può senza dubbio aiutare il tuo cane a vivere una vita un po’ più serena (purché non si esponga continuamente a fattori che scatenano un episodio stressante).

Non aspettarti che faccia tutto l’esperto! Impara anche te ad aiutare il tuo amico.

Un cane eccessivamente stressato di solito sarà molto sensibile a fattori esterni. Una volta che il disturbo post traumatico da stress si manifesta nel tuo cane, anche la minima quantità di stress può causare una reazione.

La cosa più importante che devi fare è essere calmo e paziente. Mantieni il più possibile uno stato mentale e un comportamento calmo in sua presenza. Devi ispirare fiducia e rassicurare il tuo cane in ogni momento. Usa anche il tuo linguaggio del corpo e il tuo stato d’animo per fargli capire che non accadrà nulla di brutto.

Non arrabbiarti o irritarti con il tuo cane. Non alzare la voce. Cerca di evitare movimenti rapidi, bruschi e a scatti. Invece, potrebbe essere molto utile creare uno spazio calmo e rilassante per il tuo amico: ciò permetterà un recupero più rapido.

Altri problemi emotivi nei cani


Anche un cane che non ha avuto un grave trauma può avere delle paure che gli causano ansia o aggressività. Alcuni dei più comuni problemi emotivi in un cane sono:

  • Tuoni e fulmini
  • Fuochi d’artificio
  • Persone con caratteristiche e tratti particolari
  • Viaggi in auto o in altri mezzi
  • Salire e scendere le scale
  • Buio

Alcuni cani hanno paura per natura, d’altronde la paura è una risposta altamente funzionale e adattiva per tutti gli esseri viventi. Il fatto che un cane non soffra di un disturbo post traumatico da stress non significa che i suoi comportamenti non siano difficili e problematici per il proprietario, o potenzialmente pericolosi per gli altri.

Gestire le paure e quindi lo stress del tuo cane

Cosa dovresti fare se il tuo cane mostra paura o aggressività eccessive? In questo caso non puoi applicare lo stesso metodo che usi con un bambino, ad esempio. Di conseguenza non servirà per il tuo amico peloso fornire conforto attraverso baci e carezze: queste cose non aiutano a far sapere al tuo cane che va tutto bene. Ma potrebbero paradossalmente veicolare al tuo cane il messaggio che va bene agire con paura o aggressività. E ciò renderà molto difficile indirizzare un cambiamento nel suo comportamento.

Può essere molto difficile per te e gli altri vedere il tuo cane in uno stato traumatizzato, ma puoi apportare miglioramenti anche nei casi più gravi. Il processo richiede senza dubbio molto tempo e sforzo, ma non è impossibile ottenere i risultati desiderati.

Il modo migliore per superare la paura e lo stress nel tuo cane? Ignora il problema e fai qualcos’altro mentre sei con lui: servirà a distrarlo. Quando abbia in casa ad esempio, mantieni un tono fermo e deciso e fai pratica con i comandi. Ricorda: sei il capo del branco e attraverso le tue azioni insegni al tuo cane quando preoccuparsi e quando no.

Altri pratici e utili suggerimenti:

È molto gratificante vedere come un cane traumatizzato riacquisti la sua fiducia e il suo desiderio di vivere e giocare con serenità. In quanto proprietario di un cane, ci sono molte cose che puoi fare per aiutare il tuo cane.

Mettigli a disposizione una stanza sicura

Seleziona un’area della tua casa che sarà destinata principalente al tuo cane e rendila il più sicura possibile. Ovviamente l’uso esclusivo di una stanza per un solo animale può essere impegnativo ma ricorda che non sarà una soluzione permanente ma solo temporanea…giusto il tempo necessario per accelerare la sua ripresa psicologica ed emotiva!

Usa un letto per cani, un tappeto, una coperta, insomma tutto ciò che è morbido e confortevole e che possa essere un “piccolo nido”. Assicurati che questo spazio sia silenzioso e protetto da vari rumori ambientali.

L’idea è quella di insegnare al cane a collegare questo nuovo spazio ad un luogo sicuro e protetto.

Programma regolare e costante

La routine è utile per i cani di tutte le età e tutte le condizioni, non solo per quelli con disturbi psicologici e comportamentali. La routine e la regolarità li aiuta a organizzarsi e a sapere cosa aspettarsi in qualsiasi momento della giornata.

Tale programma deve includere passeggiate giornaliere, orari dei pasti, e altre attività. Assicurati che il cane partecipi a tutte le attività alla stessa ora ogni giorno. In questo modo, sa cosa aspettarsi e quando aspettarselo.

Offri supporto al tuo cane ma lascialo libero di scegliere

In quanto amanti dei cani siamo tentati di sapere sempre che cosa è meglio per loro. Ma quando si tratta di cani con disturbo da stress, le cose cambiano. Per migliorare la qualità della vita del tuo cane e ridurre lo stress, lascia che sia lui a decidere nelle piccole cose cosa è meglio per lui. Inomma…non forzarlo!

Cosa significa? Lascia che il tuo cane scelga dove camminare invece di trascinarlo dietro di te. Se il tuo cane è nervoso, non insistere. Fai del tuo meglio per evitare situazioni stressanti e presta sempre attenzione alle esigenze del tuo cane.

Adottare una mentalità positiva e un atteggiamento calmo.

I cani sono molto sensibili al modo in cui ci atteggiamo e comportiamo. Se sei arrabbiato o preoccupato, il tuo cane lo sentirà e trasferirà il tuo umore su di sè.

Mantieni la calma e il relax. Se il tuo cane sente la sua sicurezza, si sentirà molto meglio nello svolgimento delle sue normali attività. Ti sentirai così al sicuro e smetterai di essere così vigile per qualsiasi cosa che potrebbe succedere.

Usare agenti calmanti naturali

È possibile aiutare un cane stressato o nervoso a calmarsi con mezzi sicuri e naturali. Questo potrebbe essere sicuramente un tentativo da fare prima di optare per la somministrazione di farmaci. In ogni caso, raccomandiamo sempre di consultare un veterinario prima di somministrare al tuo cane qualsiasi cosa che sia diversa dal tradizionale cibo.

Effettivamente esistono alcuni sedativi naturali che ben si adattano a un cane stressato. Tra questi rientrano l’olio di CBD, essenza di fiori di Bach o altri oli essenziali.

[CORRELATO]: integratori per cani anziani, funzionano davvero?

Quali sono i trattamenti calmanti?

Utilizzando erbe e vitamine come ingredienti attivi, i trattamenti calmanti sono un rimedio non terapeutico per l’ansia che puoi offrire al tuo cane ed alleviarne i sintomi. Chiamati anche “integratori calmanti”, rientrano nella categoria dei nutraceutici e sono simili agli integratori alimentari per l’uomo (e sono liberamente regolati allo stesso modo). La dott.ssa Erin Perotti-Orcutt, DVM del Four Paws Veterinary Center di Seattle, Washington, afferma che “Ce ne sono certamente alcuni di buoni, ma non c’è molta regolamentazione in merito ai prodotti nutraceutici, quindi i [produttori] possono fare molte affermazioni infondate”.

Ad esempio, anche se un trattamento calmante può contenere camomilla, “un cane non mangerebbe camomilla in natura”, spiega la Dottoressa. I cani sono carnivori e sebbene non vi sia alcuna indicazione che queste erbe siano dannose per gli animali domestici, i trattamenti calmanti che contengono un certo principio attivo mancano di prove a sostegno del fatto che gli animali reagiranno a loro allo stesso modo degli umani. In poche parole, l’integratore che somministri al tuo cane potrebbe essere totalmente inutile.

Lo stesso vale per altri ingredienti a base di erbe calmanti come lavanda o zenzero, che sono stati a lungo riconosciuti essere rilassanti per l’uomo, non sono stati ampiamente testati per l’uso animale.
Gli ingredienti attivi, che si trovano comunemente nei cibi, come il triptofano o la melatonina hanno effetti calmanti più documentati . Altri ingredienti come l’amminoacido L-Teaninasi pensa funzionino aumentando i livelli di serotonina e dopamina del tuo cane; mentre i probiotici si pensa promuovano la salute dell’apparato digerente e particolarmente utili in caso di spossatezza e diarrea.

Noi abbiamo deciso di proporre questo integratore apposito per cani stressati ai fiori di Bach

no img lg uk - Cane stressato: tutto sul disturbo post traumatico da stress nel cane - GUIDA (2020) ir?t=geekpuppies 21&l=as2&o=29&a=B075K91S6P - Cane stressato: tutto sul disturbo post traumatico da stress nel cane - GUIDA (2020)

La maggior parte dei recensori di Amazon indica che questo prodotto aiuta a promuovere la calma e lenire l’eccessiva reattività nel cane. Interessante come aiuti a “facilitare le passeggiate mattutine, lenire l’ansia generale e  l’aggressività”.

La cosa migliore da fare è sempre rivolgersi a un professionista esperto nel comportamento animale e, in questo caso, del cane, oltre che a un veterinario (prima di somministrare qualsiasi prodotto).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *