Otite nei cani: sintomi, cura e rimedi naturali. Alcuni consigli per la salute delle orecchie di Fido

Il tuo amico a quattro zampe ha orecchie pruriginose, puzzolenti o addirittura dolorose che non sembrano migliorare? Potrebbe trattarsi di otite. In effetti, le otiti dei cani sono il motivo principale per cui i nostri amici pelosi vanno dal veterinario! Tutt’altro che raro nel cane, il “mal d’orecchi” è un problema da non trascurare mai perché doloroso e, a lungo andare, anche pericoloso.

Otite nei cani: una breve panoramica

Il tuo cane scuote la testa, si gratta un orecchio, o entrambi, e contemporaneamente si lamenta, ha paura di essere accarezzato sulla testa o cammina tenendola piegata, dagli orecchi esce cattivo odore… sono alcuni dei segnali da cogliere subito perché possono essere indice di un’infiammazione in atto nelle orecchie del nostro amico peloso. E non perdiamo tempo perché questo tipo di problemi provoca dolore anche intenso e può degenerare, mettendo a rischio l’udito del cane. Le otiti, come vengono chiamate anche nel nostro caso queste patologie, possono essere di tre tipi a seconda della zona dell’orecchio che van-
no a colpire.

  • le otiti esterne, le più diffuse
  • …poi ci sono quelle medie
  • …e quelle interne, che prendono anche il nome di labirintite e sono ovviamente le più pericolose perché compromettono il senso dell’equilibrio.

Fortunatamente, le più diffuse sono le prime, che però non vanno lasciate “crescere”. Prosegui con la lettura per scoprire tutto sulle otiti canine e cercare così di aiutare il tuo cucciolo.


otite cani infografica

Condividi l’infografica sul tuo sito se ti piace

Principali sintomi di otite nel cane:

  • il tuo cane si gratta e graffia le orecchie doloranti
  • presenza di cerume scuro e intasamento dei condotti uditivi
  • odore sgradevole proveniente dalle orecchie
  • …fino ad arrivare a un’infezione, presenza di acari o candidosi

Dopo questa breve panoramica sui sintomi alla base dell’otite nel cane, vediamo ora le cause alla base dell’otite nei cani e i rimedi naturali che è possibile utilizzare per prevenirla! E ricorda che il Medico Vet è sempre a disposizione per la salute del nostro beniamino, ma è sempre bene tenere a mente questi accorgimenti fondamentali che potrai già adottare a casa! 

Lo sapevi?

L’otite è un’infiammazione dell’orecchio, che provoca sintomi quali prurito, dolore, produzione di cerume, odore cattivo e conseguente rischio d’infezioni di germi, parassiti e funghi.

L’otite nei cani è considerata una delle patologie in assoluto più difficili che ogni Veterinario deve affrontare. Tanti sono i casi con recidive che risultano frustranti per animali, proprietari e terapeuti.

otiti cani orecchie lunghe
I cani con le orecchie lunghe sono più soggetti a otiti

Alcune razze di cani sono maggiormente predisposte alla formazione di otite, in particolare quelli con le orecchie lunghe, come i Beagle, i Basset Hound, i Segugi, i Cocker Spaniel, ma anche razze con pelo abbondante alla base dell’orecchio come i Barboncini, o Labrador e Pastori tedeschi a causa della conformazione delle loro orecchie.

[CORRELATO]: Cani con le orecchie lunghe: le 14 razze di cani.


Consigli errati

“Non far bagnare le orecchie ai cani perché provoca infiammazioni” è un consiglio errato a cui non dare ascolto.

Tutti i cani che amano l’acqua e che vivono in zone paludose o lacustri dovrebbero quindi soffrire di otite costante, cosa che proprio non si verifica! I nostri amici pelosi, infatti, attraverso lo scrollamento della testa sono in grado perfettamente di eliminare l’acqua eventualmente presente nel condotto.

Anche una pulizia troppo frequente delle orecchie non è utile in caso di otite. La pulizia favorisce infatti le irritazioni e le infiammazioni, creando un circolo vizioso: più vengono pulite e più si forma cerume per proteggerle dall’irritazione meccanica.

A volte viene affermato che le otiti sono provocate da germi dell’orecchio, di volta in volta accusando la Malassezia o il Proteus o lo Pseudomonas. In realtà, le otiti, quasi sempre, non sono causate dai germi appena citati, al contrario è l’infiammazione dell’orecchio che provoca il loro sviluppo.



Le vere cause alla base dell’otite nei cani

Ricorda: le infezioni alle orecchie avvisano che il corpo non sta bene. Di seguito sono riportati alcuni motivi più comuni alla base delle otiti.

1.

Una causa spesso sottovalutata o addirittura sconosciuta nella formazione di otiti è l’intolleranza ad uno o più alimenti. Le intolleranze alimentari, infatti, provocano nell’organismo un’infiammazione che si manifesta a carico dell’organo più debole del cane, chiamato organo bersaglio. L’infiammazione dell’organo bersaglio è spesso l’unica manifestazione visibile di un fenomeno d’intolleranza alimentare.

OTITE NEI CANI e alimentazione

Sapevi che… La correlazione tra alimentazione e intolleranza alimentare con problemi di otite è stata oggetto di Studio del Dipartimento Ricerca e Sviluppo SANYpet, che ha pubblicato una ricerca scientifica e uno studio multicentrico, dimostrando proprio questa correlazione, con risultati straordinari sulla malassezia, lo scolo ceruminoso o purulento, l’odore del canale auricolare e anche eritemi del padiglione e del canale auricolare.

È dunque importante integrare la dieta del tuo cane con qualche alimento fresco, crudo e biologico al fine di tenere lontano il rischio di otite.

[Correlato:] Ricette fatte in casa sane e proteiche da preparare per il tuo cane!

2. Orecchie cadenti e otite nel cane

L’otite esterna interessa prevalentemente i cani con orecchie cadenti, per esempio Bracchi o Retriever, o quelli con abbondante presenza di pelo nella faccia interna dei padiglioni auricolari, come nel caso di Barboni, Cocker Spaniel, Shih tzu o Lagotto, per citarne qualcuno. Questo perché la scarsa circolazione dell’aria che si deve alla forma degli orecchi o alla presenza di pelo fitto all’interno può favorire il ristagno di cerume e del liquido prodotto dall’infiammazione, contribuendo a scatenare i sintomi o a peggiorare una situazione già critica. Per questi cani, quindi, meglio controllare le orecchie con maggiore frequenza e anche pulirle regolarmente con prodotti specifici che il veterinario saprà indicare. Buona idea anche rimuovere un po’ del pelo interno per migliorare l’aerazione.

Le orecchie lunghe intrappolano più detriti e umidità. C’è meno flusso d’aria rispetto a un cane con orecchie dritte e corte. Potrebbe anche esserci una tendenza all’accumulo di cerume. Questo perché il condotto uditivo è un ambiente buio e umido: un posticino ideale per favorire la crescita di batteri e aumentare il rischio di contrarre un’otite.

otite cani cocker spaniel 1024x680 - Otite nei cani: sintomi, cura e rimedi naturali. Alcuni consigli per la salute delle orecchie di Fido

I proprietari delle razze predisposte alla formazione di otiti, come i cani con le orecchie lunghe, non devono rassegnarsi, perché spesso è l’alimentazione a farla da padrona. Se l’orecchio del cane è in equilibrio fisiologico, la possibilità di formazione di otiti diminuisce drasticamente e di conseguenza lattacco da parte dei patogeni non dovrebbe avere efficacia.

3. Stile di vita e riduzione del rischio di otite

I cani che hanno uno stile di vita più sano e attivo hanno meno probabilità di sviluppare un’otite.

Fai alcune scelte di vita che riducono gli elementi stressanti:

  • Dai da mangiare al tuo cane un alimento fresco (ad esempio la verdura verde)
  • Usare cautela i farmaci ed evitali quando possibile, somministrali solo se te lo indica il Medico Veterinario
  • Evita l’esposizione a pesticidi e sostanze chimiche presenti nell’ambiente dove vive il tuo pet.

Una pessima idea è far viaggiare il cane in auto con la testa fuori dal finestrino: otite assai probabile e rischio di collisione mortale!

4. Pulizia eccessiva dell’orecchio

Le orecchie sane non dovrebbero aver bisogno di pulizia eccessiva. Se le orecchie del tuo cane sembrano un po’ sporche, limitati a pulirle con un fazzoletto (non usare il cotton fioc dentro il condotto uditivo!). Un po’ di cerume dentro l’orecchio è assolutamente normale!

otite nei cani e pulizia delle orecchie

5. Sistema immunitario indebolito e otite

Se il tuo cane ha intolleranze alimentari, il suo sistema immunitario è più debole. Così come nel caso di un’infezione all’orecchio, devi trovare la causa principale anche delle intolleranze alimentari. 

Spesso sono dovute a uno squilibrio nell’intestino. Devi sapere che circa l’80% del sistema immunitario del tuo cane vive nell’intestino… quindi la salute dell’apparato gastrointestinale influenza lo stato di salute generale! Uno stato di salute precario spesso favorisce lo sviluppo di otite cronica. Potresti dunque aiutare il tuo cagnolino fornendogli degli appositi probiotici per cani da usare, ovviamente, quando necessario e dietro consiglio di uno specialista.

Otite dei cani: la cura

Per capire se il nostro cane è stato colpito da otite esterna il veterinario effettua l’esame diretto del canale auricolare con uno strumento chiamato otoscopio e, se serve, approfondisce con altri controlli. Se il problema è quello supposto, le cure sono disponibili da tempo e sono anche efficaci… solo che richiedono costanza e attenzione, e non sempre i proprietari rispettano queste esigenze perché hanno timore di far male al loro amico quando devono eseguire il lavaggio auricolare prima di applicare il prodotto, in gocce di solito, che deve penetrare nell’orecchio, cosa che va ripetuta diverse volte prima di sconfiggere l’infiammazione. E anche il cane spesso non collabora. Da qualche tempo, però, è disponibile un farmaco più rapido ed efficace che permette di ridurre nettamente i tempi della cura. Il veterinario lo prescriverà se lo riterrà adeguato.

Se invece l’orecchio è diventato l’organo bersaglio dell’intolleranza a uno o più alimenti, l’unica cura efficace per l’otite del cane è il cambio di alimentazione. In questo caso si va ad agire direttamente sulla causa dell’intolleranza, rimuovendola, e non sull’infiammazione che ne è conseguenza.

In questo modo è anche possibile evitare recidive. L’alimentazione è quindi, come sempre, fondamentale per il benessere del organismo.

La scelta che ricade sulle spalle dei proprietarie di cani e gatti è gravosa e importante, perché richiede competenza, informazione e capacità di comprendere quali sono i consigli corretti: se è già presente il problema fai sempre affidamento al tuo veterinario di fiducia.

Anche la prevenzione è importante, e i seguenti consigli servono per ridurre il rischio di contrarre l’infezione: potrebbero essere inutili se il problema è gia presente.


Otite del cane, rimedi naturali e consigli pratici

Dai al tuo pet alimenti biologici

Posto che vi è questa correlazione tra alimentazione e otite nel cane, meglio scegliere come rimedi naturali prodotti biologici o con materie prime provenienti da allevamenti estensivi, oppure a base di pesce.

Attenzione anche al luogo dove sono state reperiti gli ingredienti del pet food. Esistono zone ancora incontaminate che sono delle vere e proprie oasi naturali dove reperire le materie prime. Tra tutte l’Islanda, un’isola dove la natura comanda, bagnata dalla corrente del golfo, che disperde ogni possibile inquinante presente nel mare.

Un valore ulteriore sono infine le sostanze botaniche aggiunte, infatti alcune di queste, opportunamente selezionate, combinate e dosate, hanno proprietà riconosciute in letteratura, a beneficio del cane (e anche del nostro amico gatto).

Usa prodotti delicati per la pulizia dell’orecchio e previeni lo sviluppo di otite

Quando devi pulire le orecchie del tuo pet, usa salviettine detergenti che siano sicure e delicate rispetto ai trattamenti tradizionali composti da agenti chimici, come quelle al cocco e all’aloe vera. Grazie alle salviette puoi rimuovere delicatamente il cerume, lo sporco e i residui nelle orecchie e ridurre la proliferazione di batteri.

Otite cani
La nostra Guenda usa questo prodotto per la pulizia quotidiana delle orecchie dopo una brutta otite
no img lg uk - Otite nei cani: sintomi, cura e rimedi naturali. Alcuni consigli per la salute delle orecchie di Fido ir?t=geekpuppies 21&l=as2&o=29&a=B0157XUYDM - Otite nei cani: sintomi, cura e rimedi naturali. Alcuni consigli per la salute delle orecchie di Fido
otite cani
Un lavaggio auricolare con prodotti specifici è sempre utile, anche in termini di prevenzione dell’otite.

Usa l’aceto di mele

Caricato con proprietà antimicrobiche e antibatteriche, l’aceto di mele è uno dei migliori rimedi naturali per l’otite del cane. Per usarlo, inumidisci un batuffolo di cotone e strofina su tutta la superficie interna dell’orecchio del tuo pet.

E se l’otite è già presente e da curare? Qualora la pulizia non fosse bastata a scongiurare la comparsa dell’otite allora bisogna optare per la cura immediata e portare il tuo amico peloso dal veterinario. Ascolta sempre il suo parere e non effettuare cure fai da te.

otiti cani
Se pensi che il tuo cane abbia l’otite portalo dal veterinario!

E’ importante anche la prevenzione: per scongiurare l’esordio di otite nel cane abbi cura della pulizia delle sue orecchie e utilizza un panno o una salvietta per rimuovere lo sporco (almeno una volta a settimana). Se noti la presenza di abbondante cerume e intasamento nei condotti uditivi del tuo cane, prendi delle salviettine detergenti in cotone; queste arrichite di cocco e aloe potrebbero fare al caso tuo!

Le salviettine umidificate sono maneggevoli e semplici da usare e permettono di:

  • Rimuovere delicatamente il cerume, lo sporco e i residui nelle orecchie
  • Rimuovere l’accumulo di batteri che provoca il fastidio alle orecchie del cane
  • Lenire la parte interna delle orecchie e prevenire i problemi delle orecchie
no img lg uk - Otite nei cani: sintomi, cura e rimedi naturali. Alcuni consigli per la salute delle orecchie di Fido ir?t=geekpuppies 21&l=as2&o=29&a=B079P7339J - Otite nei cani: sintomi, cura e rimedi naturali. Alcuni consigli per la salute delle orecchie di Fido

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *